Questo sito utilizza i cookies, navigandolo accetti la relativa policy descritta nella pagina Privacy e cookies
il tuo carrello
il tuo carrello
Home
Page
Il numero
in edicola
Come
abbonarsi
Accade in
Conservatorio
Numeri
arretrati
Archivio
dal 1995
Offerte
commerciali
Pagine
Musica
Pubblicità
su Suonare.it
Seicorde,
solo chitarra
Contatta
la redazione
I sondaggi
di Suonare
Dati e
numeri


Fai di Suonare.it
la tua pagina iniziale!

Abbonati gratis alla
Newsletter di Suonare.it
Scrivi qui la tua e-mail

Garanzia di riservatezza,
legge 196/03

 
 
In primo piano: le News dal mondo dei CONSERVATORI

Un’anticipazione dell’intervista al neoeletto direttore del “Marcello” di Venezia   - 30/11/2020

Con l’anticipazione di alcune delle risposte gentilmente concesseci dal professor Roberto Gottipavero, neoeletto al Conservatorio “Benedetto Marcello” di Venezia lanciamo la prima di una serie di interviste ai Direttori eletti per il triennio 2020-23 che si potranno leggere sul mensile Suonare news a partire da dicembre. Gli abbiamo chiesto quali aspetti della sua carriera lo aiuteranno di più nell’incarico e ci ha risposto: “Dopo quasi 36 anni di insegnamento di cui 9 di direzione in conservatori diversi, posso affermare che la prima cosa che mi aiuterà sarà l’esperienza che ho sviluppato dirigendo prima il Conservatorio di Castelfranco Veneto e poi quello di Adria, che ho lasciato il 31 ottobre 2020. Il ruolo del Direttore non è semplice da affrontare e si impara facendolo, ispirandosi ad altri modelli e continuando a documentarsi. I tanti anni di insegnamento e la mia formazione musicale mi hanno aiutato ad avere una visione a 360° della Musica e a comprendere a fondo quello che può essere utile per svolgere al meglio l’incarico di direttore” Gli abbiamo anche chiesto quali punti del suo programma possano aver convinto i suoi colleghi. “Ho preparato un programma elettorale dove ho toccato molti punti di carattere generale e altri con qualche specificità, e posso immaginare di aver convinto molti dei miei colleghi per una questione di appartenenza a una sorta di formazione comune. Mi sono ritrovato a Venezia con numerosi compagni di studi con i quali avevo già condiviso molto da studente. Ho anche ritrovato diversi colleghi docenti che ho imparato a conoscere ed apprezzare negli anni di insegnamento. Insomma, molti di loro sapevano esattamente come la pensavo sui diversi argomenti e credo che trovarli nel mio programma abbia incontrato il loro consenso. Forse, chi mi conosce meglio sa che cerco di avere senso pratico nell’affrontare le situazioni e una visione realistica dei problemi. Non ho proposto voli pindarici, ho cercato di essere il più concreto possibile.” © Riproduzione riservata


Raffaello Vignali eletto presidente della Conferenza dei presidenti dei Conservatori

23/11/2020 - Raffaello Vignali, dal 2019 presidente del Conservatorio "Verdi" di Milano, è stato eletto president ... leggi tutto

I vincitori del Concorso intitolato al maestro Ezio Bosso

16/11/2020 - Federico Agnello, Roberto Berzero, Filippo Landi: ecco i vincitori del primo Concorso nazionale dico ... leggi tutto

Celebrazioni per il centenario del compositore Luciano Chailly

09/11/2020 - Sono molte le iniziative che nel biennio tra il centenario della nascita (2020) ed il ventennale dal ... leggi tutto

Violoncello e contrabbasso: i vincitori del Premio Nazionale delle Arti

02/11/2020 - Luca Giovannini e Fabrizio Buzzi sono i giovani musicisti vincitori del 15° Premio Nazionale delle A ... leggi tutto

Le altre news dei Conservatori

Copyright © Michelangeli Editore S.r.l. viale Lombardia, 5 - 20131 MILANO - C.F. e P.IVA 10700160152 - Tutti i diritti riservati.